La chiesa della S.S. Trinità fu edificata su una porzione del cimitero dell'antica parrocchia di San Giovanni in Lanero nella seconda metà del quattrocento e poi ampliata nella prima metà del cinquecento.

Era la sede della confraternita della S.S. Trinità, i cui confratelli, che vestivano la cappa rossa , erano comunemente detti "battuti rossi". 

Essa raggiunse negli anni grande importanza nella vita della Città, confermata oltre che dai documenti storici, anche dalla notevole architettura dell'edificio sacro e dagli artistici arredi pervernuti, testimoni di una intensa partecipazione civile e religiosa.

Dopo un lungo periodo di decadenza che portò la chiesa sull'orlo del crollo, nei primi anni ottanta del novecento, venna data in proprietà all'Accademia di Cultura Nicese L'Erca che ne curò il restauro.

Attualmente è sede dell'associazione, che ha per scopi statutari la varolizzazione del patrimonio storico ed artistico e culturale della Città.

Degli arredi originari rimangono:

  • il portone d'ingresso, opera barocca di scuola nicese;
  • la tela della "Natività";
  • l'altare di "San Carlo" con la vetrata originale e la bella porta dipinta del tabernacolo;
  • gli affreschi dei quattro evangelisti ai bordi della cupola;
  • i tre armadi della sacrestia, importante opera dello scultore nicese Gelvino;
  • la croce processionale in legno con i simboli della Passione conservata nella sacrestia    

La decorazione dei muri è stata ripristinata da artigiani di scuola genovese che, avendo
ripreso su cartoni gli antichi disegni originali, hanno provveduto a riportarli allo stato attuale.

Le ventuno tele di varia grandezza provengono dall'antico convento di clausura delle suore Benedettine, che sorgeva nei locali dell'attuale Ospedale S. Spirito.

Esso venne soppresso con ordinanza napoleonica e non più  ricostituito.

Le tele seguiranno le vicissitudini dell'Ospedale ed essendo totalmente trascurate, subirono un grave degrado che creò grossi problemi di conservazione e di leggibilità.

A cura dell'Accademia di cultura nicese L'Erca e con  il decisivo aiuto di enti pubblici ed aziende private si è provveduto al restauro da parte della ditta Nicola di Aramengo, sotto la direzione della Sopraintendenza ai beni artistici del Piemonte.

I dipinti sono tutti a carattere religioso a eccezione del ritratto di Annibale Bigliani dei Conti di Cantoira appartenente a nobile famiglia nicese.


La sensibilità Cittadina

L'Erca si mobilita

L'Erca ce la fa

L'Erca ridona splendore alla Trinità

I complimenti del Ministero per i beni Culturali e Ambientali

Tutto il suo Splendore

Resta sempre in contatto

* indicates required
ISCRIZIONE TESSERA ASSOCIATIVA

Sei il visitatore numero:

contatori web

LO STATUTO SOCIALE

LoStatuto.pdf
Documento Adobe Acrobat 8.4 MB

LA SEDE

1613 - Relazione sull'Assedio di Nizza

Tema Concorso di Pittura
1613 riassuntoAssedioNizza.pdf
Documento Adobe Acrobat 9.1 MB

IL CALENDARIO

DATI FISCALI E BANCARI

Codice Fiscale:                00929540052

 

Partita IVA:                    01243350053

 

Conto Corrente Postale:  11276144


Conto Corrente Bancario Cassa di Risparmio di Asti_ 06000029709

codice IBAN: IT 93 Q060 8547 5900 0000 0029 709

cordinata bancarie: Coordinate BicCASRIT22