Nell’anno 2007 l’Èrca stipulò una convenzione decennale con l’Amministrazione comunale per il recupero e l’apertura al pubblico della struttura che da anni era stata trasformata in deposito;  l’Accademia, che coltivava da sempre l’ambizione di farne “La casa dei ricordi”, apprezzò la sensibilità degli Amministratori ed iniziò i primi lavori, con la speranza di portare a compimento il progetto.

Grazie al contributo comunale erogato annualmente si è così provveduto a costruire un giardino in cui fanno bella mostra di sé macchinari d’epoca, offerti da nicesi, un vialetto e delle panchine a disposizione dei nostri concittadini.

L’ingresso si trova in viale Umberto e l’apertura è garantita dalla famiglia Lavagna che gestisce un attiguo esercizio commerciale.